Regolamento giochi - Palio delle Cente e giochi antichi, Città di Altavilla Silentina

Vai ai contenuti

Menu principale:

Regolamento giochi

Documenti

DISPOSITIVO PER I SINGOLI GIOCHI


1) L’albero della libertà N. 8 iscritti per Frazione (4M + 4F);
2) Corsa nei sacchi N. 4 iscritti per Frazione;
3) A carriola N. 4 iscritti per Frazione (2M+ 2F);
4) Il ballone N. 5 iscritti per Frazione;
5) Corsa di Frate Abinante N. 5 per Frazione (3 M e 2F);  (mt 925)
6) Tiro alla fune N. 8 iscritti per Frazione;
7) Gara dei ceri (per sole donne) massimo N.14 iscritte per Frazione.

PUNTEGGI:

per ogni gioco sono previsti i seguenti punteggi. Al primo classificato 10 punti, al secondo classificato 8 punti, al terzo classificato 6 punti, al quarto classificato 4 punti e al quinto classificato 2 punti. Chi gioca il jolly raddoppia i punti ottenuti nel gioco. Vincitore sarà la Frazione che avrà totalizzato il miglior punteggio complessivo.


L’Albero  della  Libertà

art. 1 – La gara consiste nel fare tre giri intorno “L’albero della Libertà” e tentare di addobbarlo. Si tratta di lanciare degli anelli e delle palline a cui è legata una fettuccia di 80 cm di lunghezza, gli anelli dovranno essere agganciati ai rami dell’albero mentre le palline dovranno essere lanciate nelle ceste. L’albero è formato da un’asse centrale dal quale si diramano su quattro livelli dei bracci con ganci per consentire ai cerchi di rimanere sull’albero, sfalsati rispetto ai bracci sono posizionate due file di ceste nelle quali dovranno essere lanciate le palline.
art. 2  – Per ogni Frazione dovranno partecipare obbligatoriamente n° 8 concorrenti divisi in coppia, un maschio e una femmina per coppia.
art. 3 –  In sequenza le prime due coppie insieme, girando intorno all’albero dovranno lanciare gli anelli e agganciarli ai rami e le seconde due coppie girando intorno all’albero dovranno lanciare le palline nelle ceste. 24 anelli e 24 palline, sono a disposizione per ogni Frazione esse saranno divise in parti uguali per ogni postazione. Ogni concorrente dopo il primo lancio effettua una rotazione di mezzo giro ad ogni lancio successivo fino ad esaurimento dei cerchi e delle palline.
art. 4  – Il lancio deve essere fatto dall’anello e dalla pallina e non è consentito arrotolare le fettucce in alcun modo. E’ possibile effettuare il lancio solo da una delle quattro postazioni e non da altro posto. Le postazioni sono ad una distanza di quattro metri dal tronco dell’albero.
art. 5 – Le prove saranno considerate concluse quando i concorrenti avranno finito di lanciare cerchi e palline, comunque non oltre il tempo massimo di 4 minuti per Frazione.
art.  6 – I rami del primo livello sono ad un’altezza da terra di mt. 1,2  e per ogni cerchio rimasto appeso sono assegnati 2 punti. I rami del secondo livello sono posti ad un’altezza da terra di mt. 2,20 e per ogni cerchio rimasto appeso sono assegnati 5 punti. I rami del terzo livello sono posti ad un’altezza di mt. 3,10 e per ogni cerchio rimasto appeso sono assegnati 8 punti. Infine in cima c’è un solo ramo a cui sono assegnati 15 punti. Mentre le ceste sono posizionate su due livelli a quello in basso sono assegnati 3 punti a quello in alto sono assegnati 5 punti per le palline che restano nelle ceste.
art. 7 – Gli anelli e le palline lanciati da posti diversi dalle postazioni sono considerati nulli. E’ possibile effettuare un solo lancio sia dell’anello che della pallina per postazione. Dopo il primo lancio si passa alla postazione successiva ruotando in senso orario, vale per tutti i lanciatori e fino ad esaurimento di tutti gli anelli e palline. Trascorsi i quattro minuti previsti per effettuare i lanci, gli anelli e le palline che non sono stati lanciati non possono essere più lanciati.
art. 8 - Il punteggio sarà assegnato in base agli anelli rimasti appesi ai rami e alle palline rimaste nelle ceste. Vincerà chi avrà il miglior punteggio di gara.


Corsa nei sacchi

art. 1 – La gara si disputa su un percorso  pianeggiante diviso in corsie lunghe  20÷25 metri e larghe 1 metro circa.
art. 2 – La gara è a staffetta e gareggeranno 4 atleti per Frazione. Ogni concorrente “condizionato dalla presenza di un sacco intorno agli arti inferiori” dovrà percorrere l’intero tracciato procedendo a balzi e con il busto eretto. (2 andata e 2 ritorno)
art. 3 - Quando il primo atleta attraversa la linea di fine corsia passa il sacco al secondo atleta ed esso farà allo stesso modo con il terzo atleta e questo con il quarto. La prova è conclusa quando il quarto atleta oltrepassa la linea di fine percorso.
art. 4 – Il sacco deve essere sorretto obbligatoriamente con le sole mani. Le dimensioni del sacco devono essere tali da non permettere al suo interno dei movimenti significativi da parte dell’atleta quali camminare.
art. 5  – Può riprendere la gara il concorrente che dopo essere finito per terra riesce a rimettersi nella posizione iniziale. Deve comunque ripartire dal punto preciso dove si era interrotta la corsa.
art. 6  – E’ escluso dalla gara e il suo tempo è considerato nullo, la squadra che, durante la corsa, invade volutamente la corsia avversaria anche in una sola circostanza danneggiando in modo evidente l’avversario. Non sono considerate invasioni di corsia gli sconfinamenti involontari causati da cadute e per ogni sconfinamento involontario per caduta è prevista una penalità di 5 secondi.
art. 7  – Avrà un’ulteriore penalità di 5 secondi il concorrente della squadra che durante la corsa sarà aiutato e sorretto da altri concorrenti. I concorrenti delle frazioni che si presenteranno sulla linea di fine corsia senza sacco saranno squalificati e renderanno nulla la prova retrocedendo la Frazione stessa all’ultimo posto della gara.
art. 8  –  Sono previsti 4 concorrenti per squadra. Le prove saranno cronometrate e vincerà la prova la Frazione che impiegherà il minor tempo. Il punteggio sarà assegnato in base all’ordine di arrivo. Vincerà chi avrà il miglior tempo di gara penalità comprese.


La  Carriola

art. 1 – La gara si disputa su un percorso ad ostacoli tale da ricavarne un tracciato non lineare vede impegnate due coppie per ogni Frazione.
art. 2 – I concorrenti  devono compiere il percorso nel più breve tempo possibile senza saltare gli ostacoli. l concorrenti che dovessero “saltare” gli ostacoli devono ritornare indietro (prima dell’ostacolo stesso) e rifare correttamente il passaggio.
art. 3 – I concorrenti prenderanno il via una coppia per volta e la classifica sarà stilata in base al responso cronometrico.
art. 4 – Sono previsti 2 coppie di concorrenti per squadra, due conducenti e due passeggeri, la prova si svolgerà a staffetta.
art. 5 – La carriola dovrà essere spinta da un solo concorrente conducente che dovrà trasportare un suo compagno di squadra passeggero, lungo tutto il percorso. Il concorrente passeggero è obbligato ad indossare il casco e i guanti di protezione ed eventuali altre protezioni per gomiti e ginocchia sono facoltative. Il passeggero non potrà mettere i piedi a terra deve restare  all’interno della carriola.
art. 6 – Per tutte le prove viene usata la stessa carriola o in caso di guasto una in sostituzione identica. Gli attrezzi di gara saranno forniti dall’organizzazione mentre il casco e le protezioni devono essere fornite dalle singole frazioni.
art. 7 – La prima coppia compie un giro del percorso andata e ritorno poi cede la carriola alla seconda coppia che effettua lo stesso percorso per raggiungere il punto di partenza. Possono riprendere la gara i concorrenti che hanno interrotto  la prova per caduta e ripartire dal punto preciso dove si è interrotta la corsa.
art. 8 – Ogni volta che viene saltato un ostacolo e ogni volta che il concorrente trasportato tocca con i piedi per terra, saranno assegnati 5” di penalità. Tutte le penalità saranno sommate al tempo di gara.
art. 9 - Il percorso si ritiene ultimato quando la seconda coppia con la carriola avrà oltrepassato la linea del traguardo. Il tempo viene fermato al passaggio dell’ultimo concorrente. L’arrivo anticipato della sola carriola perché lanciata a distanza comporta la penalizzazione di 5” secondi.
art. 8 - Le prove saranno cronometrate e vincerà la prova la Frazione che impiegherà il minor tempo. Il punteggio sarà assegnato in base all’ordine di arrivo. Vincerà chi avrà il miglior tempo di gara.

Il Ballone

art. 1 – La gara si disputa su un percorso ad ostacoli tale da ricavarne un tracciato non lineare.
art. 2 – Il ballone dovrà essere spinto da 5(cinque) concorrenti per squadra che dovranno trasportare il ballone lungo tutto il percorso.
art. 3 – Per tutte le prove viene usato lo stesso ballone o in caso di guasto uno identico in sostituzione. Gli oggetti saranno forniti dall’organizzazione.
art. 4 – I concorrenti  devono compiere il percorso nel più breve tempo possibile senza uscire da tracciato. l concorrenti che dovessero uscire dal tracciato devono ritornare indietro al punto di uscita e seguire correttamente il tracciato stesso.
art. 5 - Ad ogni uscita dal percorso saranno inflitti 2” di penalità che saranno sommati al tempo di percorrenza.
art. 6 - Il percorso si ritiene ultimato quando il ballone e tutti i concorrenti hanno oltrepassano la linea del traguardo.
art. 7 - Le prove saranno cronometrate e vincerà la prova la Frazione che impiegherà il minor tempo. Il punteggio sarà assegnato in base all’ordine di arrivo. Vincerà chi avrà il miglior tempo di gara.


Tiro  alla  fune

art. 1  – La gara è a girone, vede coinvolte due squadre per volta con 8 concorrenti per squadra. Si svolge su uno spiazzo pianeggiante diviso in due settori da una linea mediana.
art. 2  – I componenti delle due squadre si dispongono nei due settori alle estremità della corda impugnandola con entrambe le mani e sistemandosi ad una distanza di 1 mt  l’uno dall’altro.
art. 3  – Il primo concorrente di ognuna delle due squadre posizionato in prossimità della linea divisoria deve disporsi ad una distanza di almeno 2 mt dalla linea stessa.
art. 4  – In prossimità del punto medio della corda viene legato un oggetto di segnalazione.
art. 5  – Il giudice di gara, prima di dare l’inizio alla competizione deve accertarsi che l’oggetto di segnalazione si trovi sulla verticale della linea mediana tracciata sul terreno.
art. 6  – Al segnale d’inizio del giudice di gara le due squadre cominciano a tirare la fune cercando di trascinare la squadra avversaria oltre la linea divisoria.
art. 7 – Sulla fune vengono posizionati precedentemente, due segnali ben visibili, da una parte e dall’altra ed equidistanti dalla linea mediana. Viene dichiarata vincente la squadra che vede oltrepassare la propria linea dall’apposito oggetto di segnalazione.
art. 8  – È vietato girare la fune intorno alle mani o a qualsiasi altra parte del corpo. E’ vietato distendersi “volutamente a peso morto” o poggiare con qualsiasi parte del corpo sul terreno. Se un concorrente dovesse scivolare deve prontamente rialzarsi, riportandosi in posizione eretta.
art. 9  – Si gareggia a mani nude, è vietato usare guanti o altra protezione alle mani, è consentito solo l’uso del magnesio. I concorrenti posso indossare calzature di ogni specie ad eccezione di quelle chiodate.
art. 10  – Le posizioni iniziali di impugnatura della fune verranno scelte dalle singole squadre. Durante la gara, i partecipanti non sono obbligati a rispettare le posizioni di partenza.
art. 11  – Per la prima fase a girone all’italiana, la gara si svolge su  prova unica. Mentre le semifinali e le finali si vince al meglio delle tre tirate, andata, ritorno ed eventuale bella. Non esistono limiti di tempo si fa a chi si stanca prima. Il campo viene sempre sorteggiato.
art. 12 – Ad ogni incontro della prima fase saranno assegnati dei punti che sono: 3 punti per la vincente e 1 punto per la perdente. Alla fine del girone all’italiana sarà stilata la classifica che darà accesso alle semifinali. La Frazione che risulta quinta in classifica  non avrà accesso alle semifinali. Nel caso in cui alla fine della prima fase d’incontri si trovino in ultima posizione più di una Frazione, si procederà alla verifica degli scontri diretti.

CALENDARIO DEGLI INCONTRI  PER LA PRIMA FASE CON GIRONE ALL’ITALIANA E’ IL SEGUENTE:

1/2; 3/4; 5/2; 1/4; 3/5; 2/4; 3/1; 5/4; 3/2; 1/5;
(Gli accoppiamenti fanno riferimento alla classifica del Palio delle Cente del 2012)
La quinta sarà eliminata e le quattro Frazioni rimaste disputeranno le semifinali nel modo seguente:
la 1° classificata incontrerà la 4° e la 2° classificata incontrerà la 3°.
I vincenti si scontreranno per il 1° e 2° posto, i perdenti per il 3° e 4° posto.


Corsa dei ceri

art. 1 - La corsa dei Ceri è per sole donne;
art. 2 - Consiste nel portare a coppia di due un cero su una portantina per un percorso prestabilito. Le portantine con i ceri sono fornite dall’organizzazione. La partenza è individuale;
art. 3 - Il percorso è il seguente: Partenza dal piazzale del Convento poi a seguire si percorreranno via San Francesco, via Roma e arrivo in piazza Umberto I°;
art.  4 - Il percorso è controllato dai giudici di gara che segnaleranno eventuali irregolarità. Ogni  irregolarità comporta una penalità, tutte le penalità si sommano al tempo impiegato. Tutte le Frazioni partecipanti durante la gara saranno seguite da un giudice. Ogni singola postazione di cambio è controllata da altri giudici, i quali, tempestivamente alla fine di ogni gara sono tenuti a  certificare il regolare svolgimento della stessa;
art. 5 – La portantina con il Cero deve essere portato da 2 (due)  concorrenti per volta. I concorrenti potranno alternarsi con altri componenti della Frazione di appartenenza solo nei punti di cambio.
art. 6 – I punti di cambio sono i seguenti: Partenza dal piazzale del Convento, Cuore di Gesù, Curvone Mordente-Mazzeo, Croce, Caserma Carabinieri, Fontana Franci, Farmacia. I punti di cambio sono segnalati sia con cartelli verticali che con strisce colorate orizzontali poste sul terreno all’inizio e alla fine del cambio. Le due strisce orizzontali sono distanti l’una dall’altra di 8mt (otto metri).
art. 7 - Ogni Cero può essere seguito durante il percorso da una riserva che può intervenire solo se una delle portatrici subisce un infortunio e comunque previa autorizzazione del giudice di gara che segue la Frazione. I concorrenti  non portatori potranno seguire i Ceri ma senza intralciare o pregiudicare la gara delle Frazioni  avversarie. Tutti i comportamenti scorretti saranno opportunamente segnalati e sanzionati dai giudici di gara;
art. 8 – Se durante il percorso il cero si dovesse staccare accidentalmente dalla portantina non c’è l’obbligo di raccoglierlo. Le sanzioni applicabili sono quelle previste all’artt. 20 e 28 del regolamento del Palio;
art. 9 – Alla Frazione vincitrice saranno assegnati 10 punti, alla seconda 8, alla terza 6, alla quarta 4 e alla quinta 2. I punteggi sono conteggiati ai fini della classifica dei giochi antichi.


Corsa  di  Frate  Abinante  mt 925

art. 1 - La corsa di Frate Abinante ripercorre il tragitto ipotetico che il Frate fece per dare l’allarme agli altavillesi dell’assedio della città di Altavilla Silentina da parte dell’esercito dei Sanfedisti, tragitto rivisitato e adattato all’evento del Palio;
art. 2 - Consiste nel percorrere il tratto che va dal parco la Foresta fino a piazza Umberto I°. Alla gara parteciperanno 5(cinque) concorrenti di ogni Frazione 3 maschi e 2 femmine tutti devono indossare il saio francescano con relativo cordone con tre nodi, la partenza è unica;
art. 3 - Il percorso di mt 925 circa è il seguente: Partenza dal piazzale del parco la Foresta poi a seguire si percorreranno via San Nicola, via San Martino (tratto che va dall’ufficio postale alla chiesa del Carmine), attraversamento di piazza Umberto I° fino al distributore di carburante, via Castello, parte di via Solimene, via Municipio e arrivo in piazza Umberto I°;
art.  4 – E’ consentito trattenere il saio con le mani ma solo dopo la partenza e per tutto il percorso fino a Porta di Suso, dal tratto successivo il saio non può essere trattenuto in alcun modo fino all’arrivare in piazza Umberto I°.
art.  4 - Il percorso è controllato dai giudici di gara che segnaleranno eventuali irregolarità. Ogni  irregolarità comporta una penalità, tutte le penalità si sommano al tempo impiegato;
art. 5 – Il piazzamento finale sarà calcolato sommando i tempi impiegati dai primi due maschie e dalla prima femmina arrivati al traguardo per ogni singola Frazione;
art. 6 – Il primo arrivato in assoluto sarà premiato con un premio speciale;
art. 7 – Non sono consentite variazioni di percorso e tutti i comportamenti scorretti saranno opportunamente segnalati e sanzionati dai giudici di gara;
art. 8 – Il concorrente che accorcia il percorso ufficiale di gara sarà sanzionato con la retrocessione della propria Frazione all’ultimo posto della classifica del gioco. E’ consentito sostenere il saio solo con le mani chi sostiene in saio in modo diverso è sanzionato con una penalità di 10 secondi ad ogni infrazione;
art. 9 – Alla Frazione vincitrice saranno assegnati 10 punti, alla seconda 8, alla terza 6, alla quarta 4 e alla quinta 2. I punteggi sono conteggiati ai fini della classifica dei giochi antichi.

 

RIEPILOGO DELLE PENALITA' DEI GIOCHI ANTICHI

L’ALBERO DELLA LIBERTA’

Penalità

Motivazione

Nullo

Lancio fuori dalla postazione stabilita

Retrocessione all’ultimo posto del gioco

Non completamento del percorso

 

CORSA NEI SACCHI

Penalità

Motivazione

5"

Sconfinamento

5"

Aiuto e sorreggere il concorrente in gara

Retrocessione della Frazione all’ultimo posto

Arrivo al traguardo senza sacco

 

LA CARRIOLA

Penalità

Motivazione

5"

Se il passeggero poggia i piedi per terra

5"

Salto o non superamento dell’ostacolo

5"

Se la carriola viene lanciata e arriva al traguardo senza portatore

Retrocessione all’ultimo posto del gioco

Non completamento del percorso

Se si salta un ostacolo bisogna ritornare indietro e rifarlo + la penalità.

 

IL BALLONE

Penalità

Motivazione

2"

Uscita dal percorso

Retrocessione all’ultimo posto del gioco

Non completamento del percorso

 

CORSA DEI CERI

Penalità

Motivazione

Esclusione

Se la portantina viene modificata da come è stata fornita

5"

Cambio anticipato

5"

Cambio posticipato

5"

Se i portatori sono più di 2

I punti di cambio sono segnalati con un cartello e con due linee a terra distanti tra loro 8 mt.

 

CORSA DI FRATE ABINANTE

Penalità

Motivazione

10"

E’ consentito sorreggere il saio solo con le mani, altri modi saranno sanzionati

10"

Per chi sorregge il saio prima della partenza e dopo Porta di Suso

Retrocessione all’ultimo posto del gioco

Se uno dei concorrenti usa scorciatoie o percorso diverso da quello ufficiale; non completamento del percorso di almeno tre concorrenti

 

TIRO ALLA FUNE

Penalità

Motivazione

Vietato

Girare la fune intorno alle mani

Vietato

Girare la fune intorno a qualsiasi parte del corpo

Vietato

Usare guanti e scarpe chiodate

 

RIEPILOGO DELLE PENALITA' DEL PALIO DELLE CENTE

Penalità

Motivazione

Esclusione

Se la Centa non rispetta peso, forma o viene alleggerita

5"

Cambio anticipato

5"

Cambio posticipato

5"

Se i portatori sono più di 4

I punti di cambio sono segnalati con un cartello e con due linee a terra distanti tra loro 8 mt.

 

Il Comitato Organizzatore

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu